Il computer è entrato prepotentemente nella routine giornaliera di tutti noi, sia nel lavoro che nella vita privata. Lavorare dal PC è un’attività sempre più comune, non solo per i freelance di tutto il mondo, ma anche per gli investitori che hanno trovato un nuovo modo di sfruttare il web. Quella di guadagnare standosene al computer nella comodità di casa propria potrebbe sembrare un’attività rilassante e ben poco faticosa, ma la realtà è che occorre prestare molta attenzione se si vogliono evitare problemi di salute e disturbi vari alla colonna vertebrale e alla vista.

La postura che si assume davanti ad un video e ad una tastiera non è naturale per il nostro corpo, che risente anche dei lunghi periodi trascorsi seduti ed immobili. Ecco quali sono i problemi principali ai quali si può andare incontro dopo varie sedute prolungate davanti ad un computer:

  • la colonna vertebrale si indolenzisce, la schiena è dolente a causa della postura scorretta e dei movimenti ripetitivi;
  • la circolazione sanguigna langue e ristagna;
  • il collo si irrigidisce e si infiamma, così anche i muscoli delle mani, dei polsi e delle braccia            ;
  • gli occhi diventano secchi e irritati, può insorgere mal di testa a causa della visione protratta verso uno schermo luminoso.

Per ovviare a tutti questi problemi è necessario mettere in atto alcune buone abitudini che aiuteranno il corpo a sopportare la stanchezza causata dal lungo lavoro al computer. Innanzitutto, è fondamentale prendersi delle pause di almeno 5 minuti per ogni ora trascorsa seduti al PC, camminando e allungando le gambe e le braccia. Occorre inoltre imparare ad assumere una postura migliore regolando la sedia e la tastiera affinché ci consentano di avere una posizione dritta e rilassata, senza sforzare i muscoli.

LEGGI ANCHE  L'avvento dei Cognitive Systems cambierà la nostra vita

Lo schermo poi è fondamentale e va regolato in modo da superare di poco il livello degli occhi. La tastiera sarà centrata sotto allo schermo e la seduta distante un braccio circa.

La luce ambientale non deve essere regolata in modo diretto verso gli occhi e neanche sullo schermo.

Nonostante queste precauzioni, dopo una lunga giornata trascorsa davanti allo schermo di un computer, gli occhi potrebbero facilmente essere stressati e irritati a causa della continua messa a fuoco a varie distanze fra lo schermo e gli oggetti o le persone che circondano la propria postazione. La secchezza oculare provocata dal fissare uno schermo luminoso è un altro inconveniente alquanto fastidioso che può portare al mal di testa. Un ottimo strumento per mantenere occhi sani e rilassati è quello di utilizzare degli specifici occhiali da lettura per PC.

Questi occhiali particolarmente adatti per le brevi distanze, sono trattati in modo particolare per riparare l’occhio dalla luce blu generalmente emessa dai monitor e che è in grado di affaticare gli occhi e alterare i nostri ritmi circadiani. Non molto costosi, gli occhiali più semplici filtrano il 40% della luce blu e non sono graduati, per essere indossati facilmente da tutti.

È anche possibile optare per lenti da ufficio personalizzate multifocali a seconda delle distanze che si necessita osservare. Non sempre infatti lo sguardo è fisso al computer e queste lenti consentono di adattare la visione nitidamente a varie distanze a seconda del lavoro che si svolge e delle proprie abitudini:

  • lenti room, distanza 4 metri: ideali per alternare lavoro al PC e altre attività;
  • lenti near, distanza 2 metri: ideali per lettura e brevi distanze;
  • lenti book, per una distanza di non oltre il metro, dedicate prettamente alla lettura.
LEGGI ANCHE  Vodafone avvia le sperimentazioni per il 5g, la connettività che cambierà il mondo

Per scegliere gli occhiali migliori, quindi, dopo aver accertato con una visita da un oftalmologo la salute dei vostri occhi, potrete valutare le vostre abitudini e il tempo che passerete davanti al monitor, per evitare e sconfiggere i fastidiosi fenomeni legati all’affaticamento degli occhi davanti agli schermi luminosi.